Sergio Putzu: Africa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Calore, colore, orgoglio, pazienza, danza, orizzonti, radici, silenzi... ...un vortice di emozioni che questo grande ciclo pittorico evoca, senza eccezioni, in chi ha la volontà e la fortuna di lasciarsi coinvolgere, di partecipare.

 

Dopo Scurigadroxiu e Indiani d'America, Africa è il soggetto dell'azione pittorica di Sergio Putzu, che ancora una volta, con forza e umiltà, si misura con le forme e lo spirito dì civiltà antiche e tenaci.

Preceduta da un lungo lavoro di documentazione, di studio e di applicazione, la mostra sull’Africa (o dell'Africa) è espressione di un’arte capace di interrogarsi, di domandare, di rispondere. La sfida che l’artista lancia è un tributo, un atto d’amore dedicato al continente dove è nata la vita, dove è nato l’uomo. E ancora una volta, in Sergio, l’azione è arte, l'arte è politica. E politica è la scelta di dipingere, realisticamente e senza sentimentalismi di maniera, popolazioni e popoli che hanno subito, o ancora oggi subiscono, sfruttamento e violenza, morale e culturale prima ancora che economica. La lotta per la vita, la morte, la potenza della natura, gli odori, i suoni, l’appartenenza a un luogo e a una storia diventano materia per una narrazione raffinata e incalzante, ammirata e malinconica nello stesso tempo. Le trentacinque opere, incastonate in splendide ed elaborate “cornici parlanti” (che silenziosamente dialogano col soggetto del quadro e con chi osserva), sono a disposizione di chi non ha paura di stupirsi, di sorridere, di commuoversi.

L'Assessore alla Cultura
Marco Pisu