Chistionai
Tipo carattere

"Su Trigu: Ariseu, Oi e Cras" - 4 de Capudanni (Settembre 2010).

Sa Pro Loco de Sàrdara cun s'amparu de sa Provìntzia de su Campidanu de Mesu e de su Comunu de Sàrdara presentat su cumbènniu.
Su benidori de su trabballamentu de su trigu conforma a s'andamentu de is mercaus e de is prodùsius derivaus.
Prospettive della coltivazione del grano in funzione dell'andamento dei mercati e dei prodotti trasformati.

 

 

 

"Su Trigu: Ariseu, Oi e Cras" - 4 de Capudanni (Settembre 2010).

Sa Pro Loco de Sàrdara cun s'amparu de sa Provìntzia de su Campidanu de Mesu e de su Comunu de Sàrdara presentat su cumbènniu.
Su benidori de su trabballamentu de su trigu conforma a s'andamentu de is mercaus e de is prodùsius derivaus.
Prospettive della coltivazione del grano in funzione dell'andamento dei mercati e dei prodotti trasformati.

Giorgio Zucca - Sìndigu de Sàrdara.

Mimmo Zedda - Capu Gabinetu de s'Assessorau a sa laurera RAS.

Fulvio Tocco - Pres. Provintzia Campidanu de Mesu.

Fabio Cois - Coldiretti.

Gianfranco Portas - Assòtziu Paneteris.

Aldo Cau - Consòrtziu Agràriu.

Agostino Galleu - Molino Galleu.

Amòdat: Giacomo Mameli.

 

 

 

 


SÀRDARA – SU BENIDORI DE SU TRABBALLAMENTU DE SU TRIGU CUNFROMA A S’ANDAMENTU DE IS MERCAUS E DE IS PRODÚSIUS DERIVAUS


“Su trigu Ariseu oi e cras” cun petza meda a coi in su cumbénniu de sa Pro Loco. Totu is interbentus asuba de su stadu de su compartu agroalimentari funt stétius a una boxi feti sententziendi sa crisi arrorosa chi no si lassat scerai “su cras” in su setori.
Siendas tropu piticas chi no baliant su cuncurréntzia. Lentesa de sa burocràtzia. Speculadoris chi faint arrui is prétzius. Strapoderi de is industrialis faci a is produsidoris. Apróciu sballiau de sa polítiga a unu cumpartu malàdiu de assisténtzialismu. Responsabbilidadi manna de is assótzius de categoria. Unu cumpartu chi oi contat pagu in su PIL sardu mancai su primori de s’ambienti.
Fadeus amaretus con méndula portoghesa, sartitzu cun petza olandesa, pasta cun trigu russu… Mancai produsidoris de is mellus ollus de olia de s’Itàlia, su 90% de su chi spaciaus est extra-comunidàriu e no vírgini  de Sardigna. Parti manna de su pisci benit de foras (ma no teneus su mari totu aingíriu-aingíriu nostu?). Proceddus chi benint de su Portogallu fatus passai po sardus. Cooperativas de produsidoris de casu brebexinu chena de canalis de cumercializatzioni e duncas meda casu incungiau. Su 20% de totu su pani ndi lòmpit de continenti po mori de is centrus cumercialis donadoris de “baguettes” e de àteru pani friscu de surgeladori, precotu de calidadi pagu segura, prontu po sa buca de is sardus sempri de coru bonu faci a is economias allenas.
Produseus sceti su 20% de su chi spaciaus! Est custa sa cifra de sa gravidadi manna de sa situatzioni. Produseus pagu e de custu no spaciaus giai nudda. Po s’àcua bastat a biri sa chi si donant ristoradoris e machineddas selfservice. Mancu mali ca s’ària ...
It’eus a podi fai candu a custas situatzionis s’aciungint cussas acapiadas a sa mancàntzia de cusciéntzia de is operadoris turísticu-albergherus e ristoradoris chi no si faint agatai su mandiari nostu in sa mesa. Ita podeus fai chi me is menús agataus bortas medas le trenette al salmone, sa pasta sempri incasada a parmigianu, birdura e pofinas perdusèmini chi benint de foras e no su casu de brebei, pani carasau, fratau, ecc. Me is medas villàgius turísticus e costa smeralda no si papat sardu, a sa Metro de Casteddu chi frunit parti manna de is ristorantis de sa província  bortas medas no agataus is podúsius made in Sardinia. Aciungeus ca in prus de unu casu me is capitolaus de apaltu po sa frunidura me is mensas scolàsticas is comunus previdint s’umperu de su parmigianu: is casajus parmensus torrant gràtzias aciungendi ca perou no fut su casu… Ita si podit fai chi molidoris e messajus/consórtzius agràrius no si fueddant apari e is úrtimus produsint calidadis chi su mercau no arrechedit? Ma ita s’at a podi fai chi su presidenti de sa Camera de Cumérciu de Casteddu si ndi sbregungit de una scola alberghera de su territóriu chi no imparat a is chi ant a essi is operadoris de su setori sa connoscéntzia de is prodúsius localis, pretzetaus e pesaus mancai a s’umperu esclusivu de parmigianu, lisàndias, tortellinus, anatre all’arancia, salmoni, ecc.? Àteru esémpiu de scola allena? Cun sa cuncentratzioni prus arta de centrus cumercialis de Itàlia pensais chi potzaus fai de mancu de su drive in?
No funt situatzionis de unu logu normali. Nci depit essi calincuna arrexoni de fundóriu chi fait nasci totu custu!
Su capu Gabinetu de s’ass. reg. a sa laurera fueddat de “Popolo confuso nella sua visione di insieme del meccanismo economico e sociale” e de  “insipienza politica”.
Si pregontaus chi totu custu no siat po mori de calincunu virus de sa genia de su masochismu prus noxili chi si trasmitit ca agatat s’humus giustu in sa mancàntzia assoluta de cusciéntzia de is sardus. Si podit fai calincuna cosa po torrai in sètiu de una cusciéntzia normali in sa província nosta puru vítima po nai de su slogan malasortau “mangia come parli” elaborau de mainàrgius de su marketing “stràngius” chi disconnoscint pofintzas is línguas fueddadas in sa terra nosta? Cunsiderau su livellu de cusciéntzia e no pensendi possíbbili su chi iat a dexi de prus “papa cumenti fueddas” s’iaus a podi cuntentai de “compra nella tua valle e il tuo paese vivrà”. Cust’úrtimu slogan podit arresúmini su chi totu is reladoris ant nau e nosu sémplicis citadinus podeus fai giai de imoi po arredusi e abbrandai sa situatzioni dramàtica. Làstima chi po podi apillonai unu messàgiu diaici tèngiat abbisóngiu de unu sentidu de apartenéntzia a sa terra nosta chi no teneus. Sentidu chi sceti una educazioni cumenti si spetat podit trasmiti e no cussa chi baliaus de is istitutus (dis)educativus: ludotecas, tv, e in primis de una scola de fatu allena, andai a si castiai programas e libbrus de scola.
Unu consillu gratis: candu is ristoradoris de domu nosta si proponint menú, pani e bufòngius made in su corru de sa furca, trateiddus mali e mancai andeusindi!
Unus cantu atendimentus de importantu mannu ddus ant propostus: cumérciu a km zeru; criatzioni de assótzius de produsidoris po balantzai su strapoderi de is industrialis chi oi detzidint is prétzius; certificatzioni de calidadi de is prodúsius e alladiai is cuntratus de filiera; su progetu “vivere la campagna” de sa província nosta; produsidura de energia me is siendas e àcua barata… Pagu cosa diaveras ...

In d-una terra a vocatzioni turística manna me is struturas arricidoras-albergheras depeus imponni su prodúsiu nostu puru de s’ora chi custas bivint in su NOSTU e gràtzias a su territóriu NOSTU. Teneus boluntadi, soberania e abbilesa giusta in domu nosta? O no est domu nosta?
Unu pópulu chi no produsit nudda est prenetau a su sperdimentu. Est su chi est giai sutzedendi cun abbandonu de sartu e biddas de aintru cun prepotenti torrada de su disterru. Mancu mali ca cun facebook eus a podi sempri formai sa “cambarada de su pópulu sardu virtuali”. Aintru de pagus annus de is 1,6 chi seus oi eus a torrai a 1,3 millionis. Eus a essi che una tzípula: sa terra cun su stampu in mesu, marigosa perou! Eja, su stampu ocasionau de su tzurpímini de sa classi polítiga espressioni de unu pópulu chi ddi ant operau una lobotomia cerebrali cun su cincinamentu totali de sa cusciéntzia òpera de un’educatzioni scolàstica puru chi at sempri punnai a sa “rimotzioni” de sa specificidadi culturali cosa nosta. S’ecuatzioni dipendéntzia culturali = dipendéntzia económica ballit sempri. Tocat a marolla a fai calincuna cosa, sa dibbata recenti in consillu regionali asuba de is chistionis de soberania e statutu fait sperai beni. Ma no agitorieus, in giogu nc’est feti su benidori de custa terra e de fillus nostus.

Unu cumbénniu de no perdi

Giampaolo Pisu


SARDARA - PROSPETTIVE DELLA COLTIVAZIONE DEL GRANO IN FUNZIONE DELL’ANDAMENTO DEI MERCATI DEI PRODOTTI DERIVATI.


“Su trigu Ariseu oi e cras” con molta carne al fuoco nel convegno della Pro Loco. Tutti gli interventi sullo stato del comparto agroalimentare sono stati unanimi nel sentenziare la crisi terribile che non lascia intravedere “su cras” nel settore.
Frantumazione delle aziende che non reggono la concorrenza. Lentezza di burocrazia. Speculatori che fanno crollare i prezzi. Strapotere degli industriali rispetto ai produttori. Errato approccio della politica al comparto malato di assistenzialismo. Gravi responsabilità delle assoc. di categoria. Un comparto che oggi incide poco sul PIL sardo nonostante l’eccellenza del nostro ambiente.
Produciamo amaretti con mandorle portoghesi, salsicce con carne olandese, pasta con grano russo… Malgrado produttori degli oli d’oliva più importanti d’Italia, il 90% di quello che consumiamo è extra-comunitario e non vergine di Sardegna. Buona parte del pescato proviene da fuori (ma non abbiamo il mare intorno?). Maialetti provenienti dal Portogallo spacciati per sardi. Cooperative di produttori di pecorino senza canali di commercializzazione e quindi enormi giacenze. Il 20% di tutto il pane arriva dal continente grazie ai centri commerciali dispensatori di baguettes e di altro pane fresco di surgelatore, precotto di dubbia qualità, pronto per le bocche dei sardi sempre generosi verso le economie straniere.
Produciamo solo il 20% di ciò che consumiamo! E’ questa la cifra della estrema gravità della situazione. Produciamo poco e di questo non consumiamo quasi nulla. Per l’acqua basta vedere quella che ci propinano ristoratori e macchinette selfservice. Meno male che l’aria …
Cosa mai si potrà fare quando alle suddette situazioni si aggiungono quelle legate alla assoluta mancanza di consapevolezza degli operatori turistico-alberghieri e ristoratori che non ci fanno trovare i nostri prodotti sulle tavole. Che fare se nei menù troviamo spesso le trenette al salmone, la pasta sempre con il parmigiano, verdure e  persino il prezzemolo che provengono da fuori e non il pecorino, su pane carasau e fratau, ecc. Nei molti villaggi turistici e costa smeralda non si mangia sardo,  alla Metro di CA che rifornisce buona parte dei ristoranti del territorio spesso non si trovano prodotti  made in Sardinia. Aggiungiamo che in molti casi nei capitolati di appalto per la forniture nelle mense scolastiche i comuni prevedono l’uso del parmigiano: i produttori parmensi naturalmente ringraziano aggiungendo che però non è il caso… Che fare se mugnai e agricoltori produttori di grano/consorzi agrari non si parlano e questi ultimi producono qualità non richieste dal mercato? Cosa mai si potrà fare se il presidente della camera di commercio di CA si vergogna della scuola alberghiera del territorio che non insegna ai futuri operatori del settore la conoscenza dei prodotti locali, indottrinati magari all’uso esclusivo di parmigiano, lasagne, tortellini, anatre all’arancia, salmone, ecc.? Altro esempio di scuola straniera? Certo che con la più alta concentrazione di centri commerciali e McDonald d’Italia volete che ci facciamo mancare il Drive-In?
Non sono situazioni da paese normale. Ci deve essere una qualche ragione di fondo che fa scaturire tutto ciò!
Il capo di Gabinetto dell’ass. reg. agric. parla di “Popolo confuso nella sua visione di insieme del meccanismo economico e sociale” e di  “insipienza politica”.
Ci chiediamo se ciò non sia opera di un qualche virus del ceppo del masochismo più deleterio che si trasmette perché trova il giusto humus nella assoluta mancanza di coscienza dei sardi. Si può fare qualcosa per ripristinare un livello normale di consapevolezza anche nella nostra provincia vittima per esempio dello slogan disgraziato “mangia come parli” elaborato da maghi del marketing “stranieri” che ignorano perfino le lingue parlate nella nostra terra? Considerato quel livello e non ritenendo possibile il più adeguato “papa cumenti fueddas” si potrebbe ripiegare su “compra nella tua valle e il tuo paese vivrà”. Quest’ultimo slogan può sintetizzare ciò che tutti i relatori hanno sostenuto e che noi semplici cittadini possiamo seguire già da subito per arginare la drammatica situazione. Peccato che per poter attecchire un simile messaggio abbia bisogno di un senso di appartenenza alla nostra terra che non abbiamo. Sentimenti che solo un’adeguata educazione possono trasmettere e non certo quella che subiamo dagli istituti (dis)educativi: ludoteche, tv, e in primis da una scuola di fatto “straniera”, andate a vedervi programmi e testi scolastici.
Un consiglio gratuito: quando i ristoratori di casa nostra ci propongono menù, pane e bibite made in su corru de sa furca, trattiamoli male e magari andiamocene!
Alcuni importantissimi provvedimenti sono stati proposti: commercio a km zero; creazione di associazioni di produttori per bilanciare lo strapotere degli industriali che oggi decidono i prezzi; certificazione di qualità dei prodotti e allargare i contratti di filiera; il progetto “vivere la campagna” della nostra provincia. Produzione di energia nelle aziende e acqua a basso costo… ben poca cosa … rispetto alla gravità della situazione.
In una terra a grande vocazione turistica alle strutture ricettive alberghiere dobbiamo imporre anche il nostro prodotto visto che esse vivono nel NOSTRO e grazie alla bellezza del NOSTRO territorio. Abbiamo volontà,  sovranità e capacità adeguata a casa nostra? O non è casa nostra?
Un popolo che non produce nulla è destinato a scomparire. E’ ciò che sta già accadendo con abbandono di campagne, paesi dell’interno e prepotente ripresa dell’emigrazione. Meno male che con facebook potremo sempre creare il gruppo del “popolo” sardo virtuale. Fra pochi anni dagli attuali 1,6 passeremo a 1,3 milioni, saremo come una tzìpula: la terra col buco in mezzo, marigosa perou; si, il buco determinato dalla cecità della nostra classe politica espressione di un popolo al quale è stata operata una lobotomia cerebrale con totale asportazione della coscienza opera di un’educazione anche scolastica tutta tesa alla totale rimozione della nostra specificità culturale. L’equazione dipendenza culturale = dipendenza economica è sempre valida. E’ necessario dunque invertire la rotta, il recente dibattito in consiglio regionale sui temi della sovranità fa ben sperare. Ma non drammatizziamo, in palio c’è solo il futuro di questa terra e dei nostri figli.

Un convegno da non perdere.

Giampaolo Pisu