Chistionai
Tipo carattere

S’Innu de sa Natzione: Fortza Paris!
Documento audiovisuale realizzato con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Sardara.

Gli uomini, in generale, provano orgoglio per la patria, amore per la propria lingua, attaccamento profondo per la terra natia, rispetto per le tradizioni, la storia, l’identità. Il sardo ha un cuore d’oro (tenit unu coru bonu), un animo nobile, generoso. Patriottico! Si è servito della creatività, dell’arte, della letteratura, della poesia e della musica per onorare e celebrare la Sardegna.

Negli anni ottanta del secolo scorso, lo studioso e linguista Mario Puddu, ispirandosi alla storia del popolo sardo, per dare un contributo culturale autentico e indipendente scrisse s’Innu de sa Natzione: Forza Paris! Anni dopo, a cura dell’antropologo Bachisio Bandinu, il testo originario subì una revisione critica.

L’inno sardo fortza paris! è stato presentato ufficialmente a Sardara, nel cuore del medio campidano il 13 aprile 2013. Battesimo speciale al CineTeatro con oltre 200 invitati, studiosi, personalità del mondo della politica e della cultura isolana, dell’arte, letteratura, musica. Un folto pubblico e un grande evento per la cittadina termale che conferma così il suo impegno, il grande sostegno, per la valorizzazione della cultura e della lingua sarda, dei beni culturali, ambientali e storico-archeologici che, come ha sottolineato il sindaco Giuseppe Garau, ripagano con dovizia e nel tempo, la comunità e i sardi sotto il profilo socio-economico e culturale.

In genere, i canti e le canzoni sono opera di due persone. Il poeta-autore e il musicista. Entrambi, con grande generosità e professionalità, gettano un seme nel solco della storia. Anche l’Inno sardo FORTZA PARIS ha avuto una lunga e sofferta genesi. Scritto nel lontano 1985 da Mario Puddu lo ha (ri)musicato nel 2011 il maestro Mariano Garau. La versione bandistica è stata curata dal maestro Giovanni Foddai. Il coro polifonico di Iglesias, Arbus e Sanluri (diretto da Antonio Pittau ed accompagnato alla tastiera da Anna Maria Dessì) lo ha eseguito e cantato con solennità nella prima ufficiale di Sardara. Eccelsa e indimenticabile l’esecuzione. Scontato il bis. Soddisfatti gli autori, il pubblico in sala e l’amministrazione comunale.
Ecco il testo integrale.

Una gente una limba una terra  
In is séculos tenta a cadenas,  
Irdorruta de ungas angenas   
Bogat cara a su mundhu avilida

Pesa! E bae in sa lughe a sa vida,  
O Natzione de numen Sardigna:  
Beridade prus santa e prus digna  
Est chi líbbera sigas e sias!

Fortza paris e totus unios
De is Sardos sa mente e is coros:
Sa bandhera de is Bator Moros
Est s’idea, sa lughe, sa ghia!

O Sardigna donosa e galana,
Pinzellada de manu divina,
A giardinu ti peses de istima
Cun is Pópulos totu in sa paghe!

Chi si cumprat de s’Umanidade
Cudh’ispera de méngius destinu
Totu paris faendho camminu,
No prus gente cracada, oprimios!

Fortza paris e totus unios
De is Sardos sa mente e is coros:
Sa bandhera de is Bator Moros
Est s’idea, sa lughe, sa ghia!

Cantos Sardos gherrandho sunt mortos
Po onorare sa Pàtria nadia
Torrent bios un’àtera bia
Po si giare virtudes d’eroe!

Fae crèschere, o Sardu de oe,
Cudhu semen de frades tesanos:
Su destinu est iscritu in is manos
Si dhu’at bonu sentidu in is coros!

Fortza paris e totus unios
De is Sardos sa mente e is coros:
Sa bandhera de is Bator Moros
Est s’idea, sa lughe, sa ghia!

Fortza Sardos e totus unios
Cun sa mente e su coro a s’insigna!
Fortza paris, Natzione Sardigna,
Po chi líbbera sigas e sias!

Tradutzione in lingua sarda de MARIO PUDHU