"Il richiamo della Foresta" di Jack London - Il romanzo che meglio di qualunque altro ha rappresentato l'intensità che può raggiungere il rapporto tra l'uomo e il cane; una vicenda in bilico tra i valori della Civiltà e quelli della natura, sullo sfondo delle distese innevate del grande Nord.
Jack London Nasce nel 1876 a San Francisco. Trascorre in un ranch un'infanzia miserabile. Esercita ogni sorta di mestiere. Muore nel 1916.

"Il potere di Undo" di Nancy Etchemendy - Non è la solita macchina del tempo. In un bosco, uno strano vecchio dall'odore «di fulmine», consegna a un ragazzo una specie di artigianale computer al cui comando UNDO è possibile annullare un errore commesso nel vicino passato. Ma quanto indietro bisogna tornare per individuare il vero, anche minuscolo elemento scatenante che porterà all'episodio da annullare?


"Il piccolo re Dicembre" di Hacke Axel e Sowa Michael.

"Al re piacciono gli orsetti di gomma. Affonda i denti nella morbida gomma e ne strappa grossi pezzi a morsi, e intanto domanda ciò che sempre mi domanda: "Puoi raccontarmi qualcosa del tuo paese?". Quando venne a trovarmi per la prima volta, dissi: "Da noi si nasce piccoli, e poi si diventa sempre più grandi, a volte grandi quanto un giocatore di basket. Alla fine ci si rimpicciolisce di nuovo un poco. Poi arriva la morte, e non ci siamo più". "È una cosa illogica" disse il piccolo re e con un morso staccò all'orsetto la zampa destra. "Perché non si è grandi all'inizio e non si diventa poi sempre più piccoli fino a scomparire perché si è diventati invisibili?"." Dopo "Un orso di nome Sabato", esce il secondo libro della coppia Hacke-Sowa. Un'altra storia surreale, ironica, poetica e appassionante accompagnata dalle interessanti illustrazioni di Micheal Sowa. Età di lettura: da 9 anni.

"Il mistero dell'isola del drago" di Renato Giovannoli.

Mino scopre, tra i vecchi libri della biblioteca della zia, la mappa del tesoro del terribile capitano Black-burn. Da quel momento, il fascino delle antiche storie di pirati e la febbre dell'oro lo travolgono in un'appassionante avventura.

"Il fuoco di Archimede" di Ave Gagliardi.

E’ una bella fortuna per Didio essere il nipote del celebre inventore Archimede: ogni volta che si trova nei guai, lo zio gli viene in soccorso con le sue idee geniali. Un giorno, infatti, lo scienziato salva insieme…

"Il cannone bum!" di Anna Lavatelli.

A che cosa serve un cannone quando finisce la guerra? Bum! passa dalla gloria all'abbandono e al disinteresse di tutti. Finché un giorno vede arrivare uno strano personaggio con un cappello a cilindro che l'osserva con insistenza...

"I divertimenti di Nicola di Sempé" di Goscinny.

Le zuffe in classe e i battibecchi con il bidello Brodi-nò, le partite a calcio sul campetto, la visita al museo, il giornalino scolastico... Riecco Nicola e la sua banda in una nuova serie di memorabili avventure.

"Guidone Mangiaterra e gli sporcaccioni" di Sebastiano R. Mignone.

La "bella Rita" dovrebbe essere la più pulita e profumata principessa del mondo per poter sposare il principe di Profumino. Ma uno Sporcaccione, per dispetto, le ha procurato il mal di pancia e lei non può evitare di fare degli imbarazzanti (e puzzolenti) rumorini. Chi andrà in cerca di un dottore per la principessa? Solo Guido può farlo. Ma riuscirà a vincere l'ostilità degli Sporcaccioni?

"Greta che vola" di Silvia Roncaglia.

Greta ha dieci anni, ama arrampicarsi sugli alberi, giocare con gli animali e fare scherzi a tutta la famiglia... Purtroppo però sua mamma, / la signora Frizzi Galluzzi, tutta perfezione e puzza sotto il naso, la iscrive al terribile collegio Severo Educato Perfettini: Greto non vuole diventare una noiosissi¬ma gran dama e allora decide di scappare di casa...

"Flora y Fauna dla Dolemites".

Siccome non esiste ancora una documentazione botanica in lingua ladina, è maturata la decisione di mettere a disposizione la mia collezione di diapositive per salvare le tipiche ed interessanti denominazioni ladine per la flora e fauna delle Dolomiti, in gran parte già in dimenticanza. Ringrazio perciò tutti coloro che mi hanno incoraggiato in questa tutt'altro che facile impresa. Un grazie innanzi tutto alla Signora Frida Piazza ed al Dott. Edgar Moroder che già da decenni eseguirono delle ricerche sulle denominazioni botaniche ladine. Un grazie sincero anche al mio collaboratore Signor Josef Wanker, che da esperto botanico ha trattato con grande impegno e puntigliezza le singole denominazioni scientifiche. Senza il loro appoggio non sarei riuscito a concludere questa determinante documentazione di alto pregio culturale. Ringrazio pure l'Assessore provinciale alla cultura Dott. Bruno Hosp per il contributo finanziario del suo compartimento.

"Claude Debussy: alla scoperta dei compositori".

Sai che da bambino, Claude Debussy voleva fare il marinaio? E che la scuola non gli piaceva per niente ed è sempre stato un allievo insolente, anche al Conservatorio? E tu? Hai mai fatto delle scoperte musicali originali, come fare cantare i bicchieri, o sentire il rumore del mare dentro una tazza da thè? Ascoltando questo disco, forse anche tu potrai diventare un grande musicista!