"Il sorriso di Pol Pot" di Peter Fröberg Idling - Iperborea, 2010.

Nell’estate del ‘78 un Boeing 747 cinese atterra nella Kampuchea Democratica con a bordo una delegazione dell’Associazione Svezia-Cambogia, guidata da Jan Myrdal, uno dei più influenti intellettuali svedesi del suo tempo, figlio dei premi Nobel Alva e Gunnar Myrdal.

Leggi tutto: Il sorriso di Pol Pot

"Il vagabondo" di Adriaan Van Dis (traduzione dal nederlandese e postfazione di Fulvio Ferrari) - Iperborea, 2009.

Mulder, colto e agiato olandese nullafacente a Parigi, vive un’ordinata routine di rituali quotidiani tra il suo elegante appartamento borghese e le immutabili passeggiate serali, finché l’incontro con un cane, che gli cade ai piedi fuggendo da una casa in fiamme, non arriva a scardinare le sue abitudini e i suoi pregiudizi e a cambiare radicalmente il suo rapporto con il mondo.

Leggi tutto: Il vagabondo

"Max Havelaar ovvero le aste del caffè della Società di Commercio Olandese" di Multatuli (Traduzione dal nederlandese di Piero Bernardini Marzolla) - Iperborea, 2007.

"Faccio il sensale nel ramo del caffè, e abito in Lauriergracht n. 37". Con questo prosaico quanto memorabile incipit si apre il più grande classico della letteratura nederlandese, pubblicato nel 1860 esplodendo come una duplice bomba: come capolavoro letterario e come atto di accusa sociale.

Leggi tutto: Max Havelaar

"La casa della moschea" di Kader Abdolah (traduzione dal nederlandese e postfazione di Elisabetta Svaluto Moreolo) - Iperborea, 2008.

Dopo aver viaggiato nel passato di Calila e Dimna e nel presente del Sudafrica e della sua anima, Kader Abdolah ci riporta nella Persia di Scrittura cuneiforme e al cuore pulsante della sue radici: la casa della moschea.

Leggi tutto: La casa della moschea

"Cantilena mattutina nell'erba" di Thor Vilhjálmsson (traduzione dall’islandese di Paolo Turchi) - Iperborea, 1998.

Mentre dall’Europa continentale arrivano i primi lontani bagliori di una rinascita culturale, politica e religiosa che fiorirà nel Rinascimento, secondo Vilhjálmsson “il momento sublime di massima maturità raggiunto dallo spirito umano”, nell’Islanda medievale cruente lotte di potere distruggono famiglie e villaggi, schierando i fratelli contro i fratelli.

Leggi tutto: Cantilena mattutina nell'erba

"Il concerto dei pesci" di Halldór Laxness (traduzione dall'islandese di Silvia Cosimini) - Iperborea, 2008.

Il XX secolo è agli albori e Reykjavík, futura capitale dell’Islanda, si affaccia timidamente al progresso. Solo il vecchio Björn, pescatore stagionale, vive ancora con la moglie nella cascina di Brekkukot, l’unica casupola di torba ancora in piedi in città, aderendo a una rigida etica ben poco asservita alle nuove modalità economiche, fornendo ospitalità gratuita a una variegata rassegna di viandanti, spiantati e personaggi stravaganti.

Leggi tutto: Il concerto dei pesci

"L'anno della lepre" di Arto Paasilinna (trad. dal finlandese di Ernesto Boella) - Iperborea, 1994.

Giornalista quarantenne a Helsinki, Vatanen ha raggiunto quel momento dell’esistenza in cui di colpo ci si chiede quel “ma perché” che si è cercato sempre di reprimere.

Leggi tutto: L'anno della lepre

"Il bosco delle volpi" di Arto Paasilinna (trad. dal finlandese di Ernesto Boella) - Iperborea, 2009.

Un gangster pigro che compie il più clamoroso furto di lingotti d’oro della storia, un maggiore dell’esercito finlandese in anno sabbatico, un’ultranovantenne evasa dal ricovero con il suo gatto e una folla di originali si ritrovano nel Bosco delle Volpi con le sue trappole fatali.

Leggi tutto: Il bosco delle volpi