L'ultimo viaggio di un poeta

Iperborea
Tipo carattere

"L'ultimo viaggio di un poeta" di Klaus Mann e Herman Bang - Iperborea, 2012.

Quando nel gennaio 1912 Herman Bang salpa da Amburgo a bordo del Moltke per raggiungere New York e avventurarsi all’ovest nel nuovo mondo, per una delle brillanti tournée di letture che hanno consacrato la sua fama in Europa, non sa ancora che oltreoceano incontrerà la morte.

Forse è stato questo ad affascinare l’esule Klaus Mann, che incluse lo scrittore danese nella sua opera dedicata ai “visitatori illustri” che approdarono negli Stati Uniti a inizio secolo. Il suo “Viaggio al termine della notte” ha infatti per protagonista il “fratello del lontano Nord danese”, come Thomas Mann lo definiva, per l’affinità spirituale che univa l’intera famiglia Mann al malinconico “dandy” di Copenaghen. Ed è proprio un senso di resa dei conti con la vita, con l’uomo e il mondo, a incombere sull’effervescente e cosmopolita racconto newyorchese di Klaus Mann, come nelle ultime pagine scritte dallo stesso Bang, incluse in questo libro. Lettere, il germe di un romanzo sull’umanità di un transatlantico in lotta con la tempesta e un lapidario racconto su una dolceamara abdicazione alla vita, la stessa che Bang sente sfuggirgli una volta approdato in quella terra sovraccarica di possibilità e di speranze, in “quell’infinito paesaggio della giovinezza” che lo fa sentire ancora più inconsistente, inutile, dannato.